Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Rehn rimbecca Krugman, non sei più quello del 1990

Quando ci vuole ci vuole e questa volta è toccato a Paul Krugman rimbeccato dal quasi sempre compassato Olli Rehn, il commissario agli affari economici. Sempre in cerca di uno spiraglio dal quale far passare qualche mezza frase che strappa il sorriso, il finlandese ha fatto centro. Al convegno sull’economia che si è tenuto a Bruxelles, ha regalato al pubblico una citazione del Premio Nobel americano, fra i critici più radicali delle strategie Ue per gestire la crisi del debito sovrano.
 Ha detto qualche tempo fa Krugman: “E’ interessante notare come sia stato lo stesso euro ad aver creato lo choc asimmetrico che adesso lo sta distruggendo (attraverso i flussi di capitale che genera). Non solo hanno creato qualcosa non in grado di fronteggiare gli choc, ma la creazione produce gli choc che stanno distruggendo l’euro”. Nel 1990 lo stesso Krugman scriveva, ha ricordato Rehn: “Trovo abbastanza ragionevole pensare che l’Europa è troppo grande, diversa e scarsamente integrata per beneficiare economicamente da una valuta unica. Penso anche che una valuta unica per l’Europa è una idea eccellente. L’efficienza dell’economia non è tutto. Una valuta unificata è quasi sicuramente una aggiunta necessaria all’unificazione politica dell’Europa e questo è un obiettivo più importante della perdita di flessibilità nell’aggiustamento”.
 Si può immaginare la ‘difesa’ di Krugman: contestare le scelte politiche per gestire la crisi dell’Eurozona non significa automaticamente essere contro l’unione monetaria. Ciò detto, sarebbe interessante un confronto diretto: pubblico assicurato.  Rehn si augura che il Premio Nobel partecipi alla prossima conferenza tra un anno. Speriamo che la crisi dell'Eurozona non duri ancora così a lungo.

 

 

Tags:
  • tontoperonotanto |

    Mah..I flussi di capitale cui allude Krugman non li ha generati di certo l’euro, una moneta creata ex nihilo per mirare a rendere reale un’ideale geopolitco.. I flussi li ha generati la meschinità di certi “pensatori”.. Il tra virgolette vuol significare che, più di pensatori, si tratta di persone avide, calcolatrici e prive di scrupoli e che neppure hanno studiato, nè si preoccupano di farlo.. Guadagnare tanto, presto e facilmente.. questo è il loro programma.
    Comunque nè Rehn, nè Krugman e neppure sommati a tanti altri sedicenti “esperti” equivalgono ad un Keynes..

  Post Precedente
Post Successivo